Ediz. n.242 - 09.10.16

Partnership

Sostieni
Oltrecultura
e sarai visibile a  1 milione di  contatti !
scrivi a
commerciale


di mary
Via Oslavia , 44 - 00195 Roma
 +39 063208224
lallegrettodischi@yahoo.it


minabottesini@libero.it

+39 3392394093

 

 

 


Luigi Petrosino - Grafico e Pittore

 

Bottega Federiciana delle Arti

 

 

Dove saremo

Area Riservata

Creditori Stampa E-mail
Oltrecultura: Eventi Prosa © - Oltrecultura: Eventi Prosa
Scritto da Redazione   
Giovedì 07 Febbraio 2013 15:58

Creditori al piccolo Bellini

La Fondazione Teatro di Napoli Teatro Bellini & Hangar-O' presentano CREDITORI di August Strindberg adattamento e regia di Orlando Cinque con Roberta Caronia, Orlando Cinque, Gabriele Russo scene Luigi Ferrigno disegno luci Davide Scognamiglio. “Ma non aver paura quando mi vedrai dissezionare una anima ed esporne le viscere sul tavolo, la prima volta fa un po' paura, poi non potrai più farne a meno”. La natura del rapporto di manipolazione, vampirismo e persuasione tra uomo e donna indagato da un grande drammaturgo va in scena al Piccolo del Bellini da venerdì 8 febbraio 2013. La trama di Creditori - suo capolavoro del 1888, tra i meno rappresentati in Italia seppure di sconvolgente attualità - potrebbe essere vista come un tipico dramma borghese: una storia di amore coniugale, di tradimento e di vendetta. Eppure, a un livello di lettura più profondo, il testo racchiude una materia sulfurea e perturbante, che ribolle di un personale bisogno di vendetta, trasformato - con spaventosa lucidità - in una esplosiva macchina teatrale. Costruito per  portare alla luce la vera natura dei rapporti tra Uomo e Donna - e perfino il  cannibalismo che talvolta caratterizzano questi rapporti - Creditori riesce a svelare in maniera cruda e diretta i misteriosi percorsi della psiche attraverso i quali un rapporto di elezione può ridursi a una fredda contabilità degli affetti. Strindberg definisce Creditori una  Tragicommedia e, in effetti, il testo potrebbe richiamare allo stesso tempo Feydeau quanto l'Edipo, Scarpetta quanto l'Amleto. Sono, infatti, evidenti una leggerezza e un piacere del gioco teatrale propri della commedia pura, seppure la struttura faccia pensare alla tragedia classica: tragedia (e catarsi) dell' Amore, che vorrebbe essere legame tra uguali, ma si trasforma in battaglia tra i sessi; tragedia (e farsa) dell'Io, che tenta di mediare razionalmente i suoi lati inconsci e istintivi con quelli morali e normativi. Creditori è un testo che non dà conforto, che mostra la vita nella sua folle incoerenza, che rivela - con chiarezza matematica e disarmante scientificità - logiche e meccanismi del comportamento umano; è un testo sottovalutato, forse non compreso, che esorbita dal naturalismo mantenendo le atmosfere dell' esperimento, così come era nelle intenzioni di Strindberg. La messa in scena, infatti, prova a restituirne il gusto per l' esposizione geometrica (per quadri) che vorrebbe essere scientifica ma che proprio per questo riesce a mettere in risalto le incoerenze, i comportamenti irrazionali e la  beata autoipnotica semiebbrezza di cui parla Strindberg, caratteristiche che - secondo l' autore - contraddistinguono i rapporti tra Uomo e Donna. Adolf, Gustav e Tekla vi condurranno con i costumi di Oriana D'Urso e le musiche originali di Luisa Boffa nei dedali della coscienza. Creditori è in cartellone al Piccolo del Bellini sino a domenica 17 febbraio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Lettori nel 2016

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
Verificati > 1 milione di lettori nel corso del 2015 -------------------- Previsti > 1.200.000 lettori nel corso del 2016