Ediz. n.242 - 09.10.16

Partnership

Sostieni
Oltrecultura
e sarai visibile a  1 milione di  contatti !
scrivi a
commerciale


di mary
Via Oslavia , 44 - 00195 Roma
 +39 063208224
lallegrettodischi@yahoo.it


minabottesini@libero.it

+39 3392394093

 

 

 


Luigi Petrosino - Grafico e Pittore

 

Bottega Federiciana delle Arti

 

 

Dove saremo

Area Riservata

Bartolomeo Gatto: Bagliori di colori e di forme a Villa Arbusto Stampa E-mail
Oltrecultura: Eventi Arti Figurative
Scritto da Francesca Blasi   
Lunedì 30 Giugno 2008 10:46
Bagliori di colori, asimmetrie scultoree, fasci di luce: così l’artista salernitano Bartolomeo Gatto immagina il mondo ed il quotidiano che lo circonda. Venerdì, 4 luglio (ore 18), a Villa Arbusto – Lacco Ameno (Ischia), esporrà venticinque opere inedite, tra sculture e pitture. La personale, che rimarrà aperta fino al 19 luglio, segue il tema dell’”Incontaminato”, tema che, a detta dell’artista stesso, “in origine ho rifiutato e poi me lo sono ritrovato appiccicato addosso”. 
“L’arte diventa sempre più veicolo per avvicinare l’uomo alla Natura che si trasforma in figlia, madre, sorella. Da sempre – spiega Gatto - mi sento vicino alla natura, rispettandola ed esaltandola attraverso le mie opere.  Il mio intento è quello di far avvicinare lo spettatore all’ambiente, facendogli comprendere la bellezza e l’immenso potenziale che esso ha. Mi accontenterei di suscitare questi sentimenti anche solo in una persona, per me sarebbe già un grande risultato”.

L’artista riprende e amplia l’ispirazione che lo ha guidato in “Qualcosa di rosso” (2004) e in “Lesson in Blue” (2007), parlando sempre più un linguaggio ancestrale che riporti al primitivo ed all’antico. Le sue opere sono armoniose ed equilibrate. Non una sbavatura. Non un orpello di troppo. Non un eccesso. Tutto sembra fondersi perfettamente con il resto dell’universo in un’alchimia di giochi di luce e  di colori.
“Io amo il mio fare d’artista – sottolinea Gatto - . Amo giocare con le forme e i colori, il declino di un caleidoscopio di variazioni che rappresentano sentimenti, passioni, amore. Faccio uso e abuso del colore. Mi compiaccio nell’esplorare la potenzialità di un unico tono che con impercettibili variazioni di gradazione di trasforma in materia viva. Il colore prende corpo e definisce spazi, personaggi e superfici”.
“Quando Gatto scopre il mondo delle pietre e degli alberi – spiega Ugo Vuoso nella presentazione del catalogo – riscopre tutto il valore della sonosfera legata all’universo naturale. Le vibrazioni sonore legano l’un l’altro gli elementi della Natura e ne interpretano le intime armonie: è per questo che le opere di Gatto, costruite su una comune sinopia musicale, colgono la più segreta e continuata connessione fra le diverse parti amalgamandole in una struttura espressiva fortemente coinvolgente, sempre in grado di narrare l’essenzialità di un mondo mediterraneo che abita nella memoria e nel progetto umano di ognuno di noi”.


Francesca Blasi

 

Lettori nel 2016

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
Verificati > 1 milione di lettori nel corso del 2015 -------------------- Previsti > 1.200.000 lettori nel corso del 2016