Ediz. n.242 - 09.10.16

Partnership

Sostieni
Oltrecultura
e sarai visibile a  1 milione di  contatti !
scrivi a
commerciale


di mary
Via Oslavia , 44 - 00195 Roma
 +39 063208224
lallegrettodischi@yahoo.it


minabottesini@libero.it

+39 3392394093

 

 

 


Luigi Petrosino - Grafico e Pittore

 

Bottega Federiciana delle Arti

 

 

Dove saremo

Area Riservata

Teatro Nuovo di Napoli 2104-15: Avanti nell'innovazione di qualità Stampa E-mail
Oltrecultura: Eventi Prosa © - Oltrecultura: Eventi Prosa
Scritto da Marialaura Di Lucia   
Lunedì 16 Giugno 2014 09:49

Si annuncia all’insegna della continuità nel puntare sull' innovazione di qualità la nuova stagione teatrale 2014/2015 del Teatro Nuovo di Napoli, “prestando grande attenzione alle indicazioni del pubblico, nel pieno rispetto del passato che ha reso importante la sala di via Montecalvario”.
Questo il manifesto programmatico del direttore artistico Alfredo Balsamo, esposto in occasione della conferenza stampa di presentazione del nuovo cartellone che sarà ospitato dall’antico teatro partenopeo da ottobre 2014 fino ad aprile 2015.
Il direttore del Teatro Pubblico Campano dal 2012 è alla guida del Teatro Nuovo, da quando, cioè, riceveva in consegna il testimone della direzione artistica dello stabile situato nel cuore dei Quartieri Spagnoli da Igina Di Napoli e Angelo Montella, che hanno diretto il teatro per oltre vent’anni.
Due volte messo in ginocchio dall’opera distruttrice del fuoco, il Teatro Nuovo ha dovuto più volte volte cambiare pelle nel corso del tempo, proponendosi ad ogni rinascita in direzione di una sempre maggiore ricerca e sperimentazione.
È noto come molti astri nascenti del teatro napoletano ebbero modo di emergere sulla ribalta partenopea, prima, e nazionale o internazionale, dopo muovendo proprio da questo palcoscenico. Non si possono menzionare nomi di autori come Ruccello, Moscato, Neiwiller o di registi come Martone, Servillo, Latella senza associarli al nome del Nuovo.
Tenere fede all’assunto iniziale, quello di svolgere la funzione di presidio culturale in un territorio complesso, percorrendo trasversalmente tutti i generi dello spettacolo dal vivo, è quanto Balsamo si propone anche con la nuova stagione teatrale. È, tuttavia, ancora una volta nel segno della tradizione napoletana che si è voluto inaugurare la stagione, affidandone l’apertura per il terzo anno consecutivo all'estro di Enzo Moscato (che partecipa con il Progetto Enzo Moscato - Ritmos Vocales),con la successione di due allestimenti scenici: Ta Kai Ta', dal 23 al 26 ottobre 2014, con cui il drammaturgo, regista e attore partenopeo rende omaggio alla figura di Luisella - la figlioletta di Eduardo De Filippo scomparsa prematuramente all'età di cinque anni (Moscato sarà affiancato nell'interpretazione da Isa Danieli) -, e Istruzioni per minuta servitù, dal 30 ottobre al 9 novembre 2014, in cui Moscato schiera una folta squadra di attori, lui incluso (Giuseppe Affinito, Salvatore Cantalupo, Salvatore Chiantone, Caterina Di Matteo, Cristina Donadio, Lalla Esposito, Gino Grossi, Carlo Guitto, Amelia Longobardi, Francesco Moscato, Giancarlo Moscato, Giuseppe Moscato), in una pièce “s-composta” di frammenti, parte attinti da produzioni precedenti, parte scritti ex novo.

Un terzo appuntamento con l'artista napoletano (inserito nella programmazione in abbonamento a dieci spettacoli) prevede, dal 12 al 21 dicembre 2014, un nuovo allestimento della melanconica e poeticissima Luparella - la storia della “Violetta dei quartieri”, ambientata in una Napoli desolata e umiliata dall'occupazione nazista - che vedrà rinnovare in scena, ad oltre quindici anni dal debutto, il consolidato duo Moscato-Danieli.
Sono ancora campani i nomi degli autori cui sono dedicati i successivi appuntamenti della stagione, a partire dal napoletano Paolo Sorrentino (Premio Oscar 2014), di cui Iaia Forte ha diretto e interpretato l'adattamento del romanzo Hanno tutti ragione, (in scena dal 19 al 23 novembre 2014, per una produzione di Pierfrancesco Pisani e Off Rome). Seguono Un anno dopo (dal 2 all'11 gennaio 2015, prodotto daOTC Onorevole Teatro Casertano e Teatri Uniti) dello spezzino naturalizzato casertano Tony Laudadio - che ha curato la regia del suo atto unico, interpretandolo al fianco di Enrico Ianniello - e La lista di Schindler di Francesco Giuffrè, che ha adattato per la prima volta alle scena il romanze di Thomas Keneally (poi reso celebre dal film di Spielberg), e che dal 28 gennaio all'1 febbraio 2015 sarà sul palcoscenico del Teatro Nuovo con Carlo Giuffrè, Marta Nuti, Pietro Faiella, Valerio Amoruso e Riccardo Francia, per una produzione di Oskar Schindler Diana OR.I.S.
Ad uno sguardo oltreoceano rimandano i due appuntamenti con due classici del novecento, il capolavoro postumo di Franz Kafka, Amerika, nell'adattamento di Maurizio Scaparro, messo in scena dalla Compagnia Gli Ipocriti dal 14 al 18 gennaio 2015 (con Ugo Maria Morosi, Giovanna Anzaldo, Carla Ferraro e con Giovanni Serratore, Fulvio Barigelli, Matteo Mauriello) e, dal 4 all'8 febbraio 2015, Lo zoo di vetro di Tennessee Williams, per la regia di Arturo Cirillo, con Milvia Marigliano, Monica Piseddu, Arturo Cirillo, Edoardo Ribatto, prodotto da Tieffe Teatro. Due sguardi per due letture ciascuna in qualche modo onirica: l'una riscrive per la scena il sogno americano rincorso dal protagonista kafkiano Rossman, l'altra tenta una rilettura in chiave “nostrana” di uno dei maggiori testi teatrali del Novecento, mostrando come certi meccanismi familiari siano sempre attuali, nell’Italia di oggi come nell’America degli anni Quaranta.
La rassegna prosegue dal 25 febbraio al'1 marzo 2015 con La parola padre, l'originale lavoro scritto e diretto da Gabriele Vacis (per la produzione di Cantieri Teatrali Koreja) che, attraverso la storia di sei donne (interpretate da Irina Andreeva, Alessandra Crocco, Aleksandra Gronowska, Anna Chiara Ingrosso, Maria Rosaria Ponzetta, Simona Spirovska) indaga il rapporto esistente tra la figura paterna, presente (o in molti casi assente) nella vita delle sei delle donne, e la “parola patria”, con la quale ognuno dei sei personaggi femminili ha un conto in sospeso.
Dal 4 all'8 marzo 2015 Nadia Baldi poterà sul palcoscenico del Nuovo Casanova di Ruggero Cappuccio (prodotto da Teatro Segreto), interpretato da un veterano delle scene, Roberto Herlitzka, affiancato da Marina Sorrenti, Rossella Pugliese, Franca Abategiovanni, Carmen Barbieri, Giulia Odori. Dopo il successo ottenuto con Il Soccombente di Bernhard, l'attore torinese (Nastro d’Argento alla carriera 2013) torna in scena interpretando un modernissimo Giacomo Casanova. Nella drammaturgia di Cappuccio (Premio Napoli 2011), il gentiluomo veneziano icona della seduzione, si confronta con undici donne che, nel tentativo di far capitolare l’inossidabile libertino, ne sveleranno invece la grande capacità di comprendere e amare il gentil sesso.
Chiudono la stagione del Teatro Nuovo due testi tra loro diversissimi. Dal 18 al 22 marzo 2015 andrà in scena La misteriosa scomparsa di W., surreale e divertente monologo di Stefano Benni (prodotto dal Teatro dell'Archivolto), per la regia di Giorgio Gallione, dove una donna di nome V (Ambra Angiolini) ripercorre bizzarramente la sua vita alla ricerca del suo pezzo mancante W. Mentre dal 15 al 19 aprile 2015 Ascanio Celestini presenterà il suo ultimo spettacolo Discorsi alla nazione in cui l'attore e regista romano, immaginando di far parlare alcuni aspiranti tiranni che provano ad affascinare il popolo per strappargli il consenso e la legittimazione - come ha egli stesso dichiarato - allude apertamente a un quadro
politico attuale nei termini di una variegata (e mal celata) forma di tirannide.
A conferma della versatilità e dell'apertura del Teatro Nuovo di Napoli alle più disparate espressioni artistiche, l’offerta della stagione teatrale 2014/2015 sarà completata dall'opzione speciale per gli abbonati che dal 14 al 16 novembre 2014 propone le tre Palladium Lectures di Alessandro Baricco (Produzioni Scuola Holden), tre lezioni tenute dallo scrittore torinese al Teatro Palladium di Roma su tre temi legati ad altrettanti personaggi della storia e della letteratura. Nella lectura Sulla giustizia del 14 novembre verranno esaminate Le Storie di Tucidide; la storia del re di Francia Luigi XVI, detto il “Desiderato”, sarà al centro della lezione Sul Tempo del 15 novembre, mentre il 16 si parlerà delle strategie narrative di Proust nella lezione Sulla scrittura
.

Marialaura Di Lucia

 

Lettori nel 2016

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
Verificati > 1 milione di lettori nel corso del 2015 -------------------- Previsti > 1.200.000 lettori nel corso del 2016