Ediz. n.242 - 09.10.16

Partnership

Sostieni
Oltrecultura
e sarai visibile a  1 milione di  contatti !
scrivi a
commerciale


di mary
Via Oslavia , 44 - 00195 Roma
 +39 063208224
lallegrettodischi@yahoo.it


minabottesini@libero.it

+39 3392394093

 

 

 


Luigi Petrosino - Grafico e Pittore

 

Bottega Federiciana delle Arti

 

 

Dove saremo

Area Riservata

“Longus unus annus”: annunciata la nuova stagione del Teatro Bellini Stampa E-mail
Oltrecultura: Eventi Prosa © - Oltrecultura: Eventi Prosa
Scritto da Marialaura Di Lucia   
Venerdì 27 Giugno 2014 21:33

 

 

A poche settimane dalla chiusura della scorsa stagione, che ha registrato - dati alla mano - una risposta più che favorevole all'offerta proposta, nel foyer di via Conte di Ruvo i fratelli Gabriele e Daniele Russo sono ripartiti carichi nel rilanciare l'attività teatrale e annunciare la programmazione della stagione 2014-2015 del Teatro Bellini di Napoli.
Se ogni anno è sempre una nuova sfida, quest'anno lo è ancor più in attesa della “sofferta svolta” - come la definisce il direttore artistico Gabriele Russo - che deriverà dall'attuazione, a partire dal nuovo anno, del decreto “Valore Cultura” in cui è prevista una ridefinizione dei Teatri Stabili che diventeranno Teatri Nazionali e dei Privati, come il Bellini, che saranno i nuovi Teatri di Rilevanza e Interesse Culturale.
A partire dal 7 ottobre 2014 fino al 30 aprile 2015 il Teatro Bellini si propone di ospitare diciannove appuntamenti, cui dal 21 ottobre 2014 si affiancherà fino al 10 maggio 2015 il cartellone altrettanto ricco del Piccolo Bellini con i suoi ben ventuno titoli.
Si parte, contro ogni aspettativa, dal cinema, cioè dalla proiezione del film Goltzius and the Pelican Company, l'ultimo stravagante lavoro di Peter Greenaway. Dal 7 al 12 ottobre 2014 il Bellini ospiterà in anteprima nazionale l'ardita rilettura dell'arte fiamminga da parte del regista britannico, insieme al Crt di Milano e al Teatro Argentina di Roma.
Dal
13 al 19 ottobre 2014 una settimana di Turn over,con incontri, conferenze, workshop, dibattiti su nuove forme di produzione e distribuzione degli spettacoli, preparerà il terreno alla rassegna teatrale vera e propria, aperta da Magazzino 18, terzo lavoro teatrale diSimone Cristicchi debuttato lo scorso 22 ottobre 2013 al Teatro Rossetti di Trieste per la regia di Antonio Calenda. Dal 21 al 26 ottobre 2014 l'artista romano calcherà il palcoscenico del teatro napoletano nelle vesti di un esodato triestino alla ricerca di una nuova casa attraverso l'Italia mutilata dal Trattato di Parigi.
I classici del teatro europeo così come quelli della più rinomata tradizione italiana e partenopea non potevano mancare tra i titoli in cartellone di uno dei teatri più antichi e prestigiosi d'Italia.
Si parte da Annibale Ruccello, di cui Enrico Maria La Manna ha messo in scena Notturno di donna con ospiti (dal 31 ottobre al 9 novembre 2014) affidando a Giuliana De Sio il ruolo della protagonista Adriana, e si alza il tiro con Shakespeare di cui Valerio Binasco rivisita il Mercante di Venezia (dal 11 al 16 novembre 2014) consegnandolo al genio interpretativo di Silvio Orlando, supportato dalla neonata Popular Shakespeare Kompany.
Da Shakespeare a Gogol' passando per Burgess. Tratto dall'omonimo romanzo di
John Burgess, con Arancia Meccanica, in scena dal 18 al 30 novembre 2014, i fratelli Russo ripropongono (con la regia di Gabriele Russo e con Daniele Russo nel ruolo del protagonista Alex) lo spettacolo di loro produzione che ha chiuso la scorsa stagione di prosa, riscuotendo un caloroso successo di pubblico e di critica, grazie anche alla collaborazione musicale di Morgan.
Sarà successivamente un capolavoro del teatro di tutti i tempi, L'ispettore generale di Nikolaj Vasil’evic Gogol’,ad andare in scena dal 3 al 7 dicembre 2014 con la riscrittura e la regia di Damiano Michieletto (interpretato da Alessandro Albertin, Silvia Paoli e Stefano Scandaletti).
Largo spazio verrà dedicato anche alla musica che sarà protagonista per tutto il mese di dicembre. Dal
9 al 14 dicembre l'Orchestra di Piazza Vittorio porterà nel teatro napoletano il brio de Il Flauto magico, un progetto nato nel 2007 da un'idea di Daniele Abbado e ispirata all'omonima opera mozartiana. Sullo sfondo di una società multirazziale dei nostri tempi, il direttore artistico e musicale Mario Tronco ha pensato di raccontare unFlauto contemporaneo in forma di favola musicale.Non trattandosi dell’esecuzione integraledell’opera di Mozart - ha spiegato Tronco - molte delle melodie, per quanto riconoscibili, sono solo tratteggiate, senza sviluppo e senza parti virtuosistiche, intrecciate a brani originali dell’Orchestra.
La breve pausa natalizia sarà annunciata dalle note gospel del noto gruppo americano Harlem Gospel Choir nella data unica del 22 dicembre 2014, mentre già dal 26 dicembre fino al 28 2014 si ripartirà con La bella addormenta del coreografo salentino Fredy Franzutti che dirigerà il Balletto del Sud in una versione tutta mediterranea della favola di Perrault musicata da Caikovskij.
Con l'inizio del nuovo anno il Teatro Bellini omaggia dal
2 al 18 gennaio 2015 un mostro sacro del teatro napoletano, l'ultimo rappresentante di una drammaturgia contemporanea autenticamente popolare, con un cult della sua produzione: parliamo di Le voci di dentro, commedia in tre atti di Eduardo de Filippo, scritta sulle macerie della seconda guerra mondiale, che vede un infaticabile Toni Servillo alle prese con la regia, affiancato nell'interpretazione dal fratello Peppe Servillo.

Dal 20 al 25 gennaio 2015 il baricentro geografico del palcoscenico belliniano si sposterà dalla Napoli del dopoguerra alla Sicilia risorgimentale con una produzione catanese di Mastro don Gesualdo, omaggio al grande Turi Ferro da parte del figlio Guglielmo Ferro, regista della riduzione del capolavoro verghiano, con Enrico Guarneri nel ruolo del protagonista Gesualdo Motta.
Ispirato a “Gli sdraiati” e “Breviario comico”, frutti recenti della produzione narrativa di
Michele Serra ,dal 27 gennaio al 1 febbraio 2015 andrà in scena Father and Son, ultima fatica dello scrittore e giornalista romano, monologo sferzante, riflessione ad alta voce sui rapporti padre-figlio di ultima generazione, affidata al talento poliedrico di Claudio Bisio per la regia di Giorgio Gallione.
A
seguire, dal 3 al 8 febbraio in Io, Nessuno e Polifemo, progetto nato da “L’intervista impossibile a Polifemo”pubblicata nel 2008 da Einaudi,Emma Dante si cimenterà nel ripercorrere lo sbarco di Ulisse nella terra dei Ciclopi, con un racconto ironico e poetico che la vede interprete e regista.
Dal mito greco alle quattro fasi dell'
opus alchemicum: con Alchemy il coreografo statunitense MosesPendelton attraversa l'oceano e sbarca al Bellini dal 10 al 15 febbraio 2015 col suo spettacolo multimediale realizzato dalla sua celebre compagnia di ballerini Momix, che vede protagonisti i quattro elementi primordiali - terra, aria, fuoco, acqua - immersi in una dimensione surreale.
Quasi un intero mese, dal 19 febbraio al 15 marzo, è invece dedicato allo spettacolo di Luciano Melchionna, Dignità autonome di prostituzione,tratto dall'eccentricoformat di Betta Cianchini e Luciano Melchionna,riproposto ancora una volta “a grandissima richiesta”, come già recitava la locandina della scorsa stagione.
Dal
17 al 25 marzoGlauco Mauri e Roberto Sturno saranno i protagonisti della riduzione teatrale - curata e diretta da Mauri - di Una pura formalità, il “piccolo capolavoro” di Giuseppe Tornatore, prendendo il posto che già fu, nel film del '94, di Gérard Depardieu e Roman Polanski rispettivamente nei ruoli di Onoff e del Commissario.
Dal
24 al 29marzo, invece, Pippo Del Bono porterà in scena con la sua compagnia la sua ultima creazione, Orchidee, nata dall'esigenza di una ricerca più intima, privata, che fa i conti col proprio passato in una lucida analisi del tempo presente.
Grande attesa è prevista per il ritorno sul palcoscenico del Bellini - dopo il “Riccardo III” del 2013 - di
Alessandro Gassman, ancora una volta nelle vesti di regista. L'attore romano, presente alla conferenza stampa di presentazione del nuovo cartellone, si cimenterà in una versione “nostrana” del romanzo di Ken Kesey, Qualcuno volò sul nido del cuculo, affidata alla riscrittura di Maurizio De Giovanni, che andrà in scena dal 7 al 19 aprile 2015. Lo State Mental Hospital di Salem, nell'Oregon dov'è rinchiuso Randle Patrick McMurphy - nel cui ruolo si calerà Daniele Russo, parte che fu già di Jack Nicholson nell'arrangiamento per il grande schermo di Miloš Forman del 1975, “pentapremiato” Oscar-, è stato trasferito nell'ex ospedale psichiatrico di Aversa, all'indomani della legge Basaglia che sanciva definitivamente la chiusura del manicomi.
A chiusura di stagione, come felice epilogo di un calendario intenso e variegato di appuntamenti, la direzione artistica propone, dal
28 al 30 aprile 2015 , l'ultimo lavoro teatrale dell'attrice comica Teresa Mannino, Sono nata il ventitré. Con la freschezza e la leggerezza che le è propria, l'artista palermitana racconterà i tormenti di Penelope e quelli della sua vicina di casa e, rievocando donne ed eroine del mondo classico, s'improvviserà in una sorta di consulente degli affari di cuore.
Viaggia parallela la programmazione del Piccolo Bellini, in piena sintonia con la stagione della sala maggiore di via Conte di Ruvo, una rassegna “altra” pensata per uno spazio più raccolto e aperto, come sempre, tra danza e nuove proposte, a un'idea di teatro innovativo.
Si parte dalla decima edizione di La Corte della Formica, la rassegna di corti teatrali che rispetto alla scorsa stagione raddoppia le settimane di programmazione - dal 21 ottobre al 2 novembre 2014 - e che quest'anno sarà incentrata sul tema “Vincitori e Vinti”.
Dal 4 al 9 novembre i Maniaci d'Amore, Francesco d'Amore e Luciana Maniaci, saranno diretti da Filippo Renda in uno spettacolo da loro scritto e interpretato, Morsi a vuoto, mentre dall’11 al 16 novembre 2014 Roberto Herlitzka sarà l’interprete di Una giovinezza enormemente giovane, spettacolo scritto da Gianni Borgna e ispirato ai testi di Pier Paolo Pasolini, per la regia di Antonio Calenda. Tra le proposte sperimentali si segnalano Zombitudine dal 3 all’8 febbraio 2015 di e con Daniele Timpano ed Elvira Frosini, e dal 17 al 19 marzo 2015 L’uomo nel diluvio - vincitore di In-Box 2014 - scritto e diretto da Simone Amendola e Valerio Malorni (quest’ultimo anche in veste di attore) per riflettere sull’urgente problema dell’emigrazione. Ancora, poi, si succederanno Rino Di Martino che metterà in scena il testo di Manlio Santanelli Le tre verità di Cesira (25 novembre - 7 dicembre); Margherita Di Rauso con Week end di Annibale Ruccello (14 -19 aprile), Lello Serao in Le statue movibilidi Antonio Petito.
Previsti in cartellone numerosi appuntamenti di danza in collaborazione con Neo, la rete della danza contemporanea in Campania: dal 21 al 22 gennaioAn attempt to fail at Ground Breaking Theatre with Pina Arcade Smith con Tony Rizzi e The Bad Habits; dal 13 al 15 febbraio 2015  La Compagnia Danza Korper si esibirà in Aesthetica; dal 21 al 22 marzo 2015Antonello Tudisco curerà la coreografia e la regia di Vapore corporeo; il 2 e il 3 maggio 2015 sarà la volta della Compagnia Danza Flux con rispettivamente La natura delle cose ama nascondersi e Corpo a tre ali; si conclude il 9 e 10maggio con Trio CDT in Samuel, con Clementine Deluy, Thusnelda Mercy e Damiano Ottavio Bigi che hanno lavorato con Pina Bausch ed ora hanno fondato una propria compagnia.

Marialaura Di Lucia

 In scena al Teatro Bellini

In scena al Piccolo Bellini

 

 

Lettori nel 2016

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
Verificati > 1 milione di lettori nel corso del 2015 -------------------- Previsti > 1.200.000 lettori nel corso del 2016