Ediz. n.242 - 09.10.16

Partnership

Sostieni
Oltrecultura
e sarai visibile a  1 milione di  contatti !
scrivi a
commerciale


di mary
Via Oslavia , 44 - 00195 Roma
 +39 063208224
lallegrettodischi@yahoo.it


minabottesini@libero.it

+39 3392394093

 

 

 


Luigi Petrosino - Grafico e Pittore

 

Bottega Federiciana delle Arti

 

 

Dove saremo

Area Riservata

La scoperta del sé anche attraverso l'altro: EVERYBODY, Una domanda d'amore alla Pelanda Stampa E-mail
Oltrecultura: Eventi Prosa © - Oltrecultura: Eventi Prosa
Scritto da Maria Raffaella Pisanu   
Venerdì 12 Settembre 2014 20:58

 

Dove sta il limite tra il fuori e cos'è una linea, se non il limite che la mente stabilisce per rendere più maneggiabili le cose? Sarebbe raccomandabile la pratica interiore dello sfumato, in modo da sapere dove termino io e dove comincia quello che non sono io [...] Dove termino io e cominci tu? (Chantal Maillard, “Contra el arte y otras imposturas”, 2009)
Una performance che studia le interazioni tra le persone in un determinato contesto, una struttura complessa suddivisa in momenti precisi ma mai troppo stabile nell'insieme né eccessivamente definita: questa è l'ipotesi iniziale di EVERYBODY - Una domanda d'amore di Antonio Tagliarini, lavoro previsto allo spazio La Pelanda (quartiere Testaccio) di Roma il 13 settembre 2014 all'interno della rassegna dell'Estate Romana ShortTheatre 9 - "LA RIVOLUZIONE DELLE PAROLE" promossa dal Comune con Zètema.
Più di quaranta performer (attori, ballerini, artisti, o semplicemente volontari, ripresi in copertina in uno scatto di Giulia Massignan) presentano l'esito del laboratorio che Tagliarini ha condotto, in collaborazione con Jaime Conde-Salazar, per dieci giorni consecutivi dal 3 al 13 settembre 2014 stesso.

Sono stati giorni intensi di lavoro prevalentemente fisico, concentrati sulla questione del mantenimento di una certa sincerità scenica in occasione dell'incontro tra diverse entità corporee, al fine di recuperare quella naturalezza propria della vita di tutti i giorni: utile e consigliata sempre, assolutamente necessaria quando (come alla Pelanda) non c'è un palco, uno spazio distinto, un luogo pre-definito né per chi 'fa' la scena né per chi, osservandola, in un certo senso la 'subisce'. Ecco allora che nemmeno il confine tra attori e spettatori è così certo e sistematico, e tutta la scena si apre a molteplici, sorprendenti possibilità di interazione in cui lo stesso limite tra il sé e l'altro diventa estremamente labile.
Tagliarini sviluppa l'idea di un tale superamento attuando una sperimentazione che, dall'iniziale punto individuale e dalla bidimensionalità delle linee che via via possono da esso partire e formarsi, determina un interessante universo di potenziali costellazioni.
Quello che succede, inoltre e probabilmente non a caso, è un insieme di spostamenti e azioni sceniche, dal semplice camminare a ciò che può specificamente definirsi 'danza', improntati nel 'qui e ora', senza pretese, né schemi, né consegne assolutamente ineludibili. Il risultato, di volta in volta variabile ma in un certo senso intuibile, è che accanto a momenti di grande intensità drammatica si accompagnino pure cammei di inaspettata leggerezza.
Giunto ormai al secondo capitolo di "EVERYBODY" (il primo è stato messo in scena dopo un mese di sperimentazione nei meravigliosi ambienti di Villa Torlonia, a marzo 2014), Tagliarini si serve, con comprensione e ascolto estremo che gli sono propri, del "materiale umano" a sua disposizione proponendo qualcosa di unico e piuttosto spontaneo, in una creazione continua la cui espressione estemporanea assolve in modo assai soddisfacente il difficile mandato di stupire ed emozionare la sala con gentile determinazione e una supervisione accurata.
Il pubblico ne rimane piacevolmente coinvolto, delicatamente segnato e giocosamente accattivato attraverso le sue capacità sensoriali, portando via con sé nuove consapevolezze e rinnovate curiosità su quale, e dove, sia effettivamente il proprio limite nella collettività del rito performativo.

Maria Raffaella Pisanu

 

Lettori nel 2016

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
Verificati > 1 milione di lettori nel corso del 2015 -------------------- Previsti > 1.200.000 lettori nel corso del 2016