Ediz. n.242 - 09.10.16

Partnership

Sostieni
Oltrecultura
e sarai visibile a  1 milione di  contatti !
scrivi a
commerciale


di mary
Via Oslavia , 44 - 00195 Roma
 +39 063208224
lallegrettodischi@yahoo.it


minabottesini@libero.it

+39 3392394093

 

 

 


Luigi Petrosino - Grafico e Pittore

 

Bottega Federiciana delle Arti

 

 

Dove saremo

Area Riservata

Il mio cuore è nel Sud debutta al teatro Mercadante Stampa E-mail
Oltrecultura: Eventi Prosa © - Oltrecultura: Eventi Prosa
Scritto da Redazione   
Martedì 06 Gennaio 2015 23:37

 

 

Venerdì 9 alle 21.00, sabato 10 alle 19.00 e domenica 11 gennaio 2015 alle 18.00, al Teatro Mercadante di Napoli  andrà in scena Il mio cuore è nel Sud, con la regia di Mariano Rigillo, che ne è anche interprete insieme a Anna Teresa Rossini, Ruben Rigillo, Silvia Siravo, Antonio Izzo, con l’Orchestra del Teatro di SanCarlo diretta da Maurizio Agostini, e le voci soliste Elsa Ascione ed AntonellaCozzolino.
Lo spettacolo, qui al suo debutto, è il secondo appuntamento con il progetto Storie naturali e strafottenti: dalle opere di Giuseppe Patroni Griffi, che lo Stabile dedica al grande scrittore, drammaturgo, sceneggiatore e regista napoletano nel decennale della scomparsa.
Le scene sono di
Luigi Ferrigno, i costumi di Zaira de Vincentiis, il disegno luci di Gigi Saccomandi. La produzione è del Teatro Stabile di Napoli e Teatro di San Carlo.
Radiodramma in un atto unico in versi e prosa di Patroni Griffi con musiche originali di
Bruno Maderna, trasmesso dalla Rai nel marzo del 1950 con interpreti, vincitore nello stesso anno del premio Il microfono d’argento, Il mio cuore è nel Sud è ambientato in una immaginaria città del sud, povera, degradata e popolata di vite disperate. In questo contesto si consuma la vicenda di una giovane madre che, attratta dal canto misterioso e incessante di un uomo, proveniente dalle finestre di un carcere, precipita in un profondo smarrimento, emotivo e sentimentale, che la condurrà alla follia.
Scrive
Mariano Rigillo nelle note allo spettacolo che dal punto di vista drammatico il testo evidenzia l’interesse verso la dimensione sociale del racconto e gli strati più emarginati della società. Lo sguardo dell’autore sul dramma che si compie evita la compassione e l’identificazione dei personaggi e mostra tracce di una concezione straniante del racconto, trascurando i moti interiori della psiche, mettendo invece in risalto le implicazioni sociali della patologia mentale

Info: tel. 081.5524214 | e-mail: info @teatrostabilenapoli.it | www. teatrostabilenapoli.it

Biglietteria: tel. 081.5513396 | e-mail: biglietteria @teatrostabilenapoli.it

 

Lettori nel 2016

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
Verificati > 1 milione di lettori nel corso del 2015 -------------------- Previsti > 1.200.000 lettori nel corso del 2016