Ediz. n.242 - 09.10.16

Partnership

Sostieni
Oltrecultura
e sarai visibile a  1 milione di  contatti !
scrivi a
commerciale


di mary
Via Oslavia , 44 - 00195 Roma
 +39 063208224
lallegrettodischi@yahoo.it


minabottesini@libero.it

+39 3392394093

 

 

 


Luigi Petrosino - Grafico e Pittore

 

Bottega Federiciana delle Arti

 

 

Dove saremo

Area Riservata

Teatri del Sacro; Lucca dall'8 al 14 giugno 2015 Stampa E-mail
Oltrecultura: Eventi Prosa © - Oltrecultura: Eventi Prosa
Scritto da Alessandra Bernocco   
Martedì 09 Giugno 2015 00:30

E' cominciato con uno spettacolo di marionette il festival I Teatri del sacro di Lucca, alla sua quarta edizione, dall'8 al 14 giugno 2015.
Chi sei tu, Vangelo dell'Asino paziente di Antonio Panzuto e Alessandro Tognon contiene nel titolo, spiega il direttore artistico Fabrizio Fiaschini, la domanda cardine che identifica il progetto: "far sì che il dialogo tra la scena e la spiritualità sia innanzitutto una domanda precisa che punta a un riconoscimento, a un incontro autentico con se stessi e con chi ci sta di fronte".

E' un po' questo il senso che ha animato questa rassegna fin dal suo nascere, otto anni fa, grazie alla sinergia di Federgat, Cei e Acec, e riproposta a cadenza biennale con sempre rinnovato successo di pubblico. Il dubbio, la ricerca, "lo stupore inquieto e appassionato delle scoperte" sono anche i fili rossi di questa edizione che vede in scena più di cinquanta artisti e venti prime assolute.
Segnaliamo Corrispondenze con Claire-Lise Daucher e Anne Palomeres dirette da Roberto Aldorasi,che mette in scena le vite parallele di due sorelle, una monaca di clausura, l'altra fotoreporter (9 ore 22,30 chiostro del Real collegio); Caino Royale Lo sposo originale con Andrea Bochicchio e Giovanni Longhin, uno spettacolo lieve che intreccia situazioni e gag surreali reinterpretando due archetipi della storia dell'umanità quali Caino e Abele alla luce di due clown (10 ore 21 sala 1 del Real Collegio); La volontà, frammenti per Simone Weil, scritto e diretto da César Brie anche in scena con Catia Caramia, un dialogo tra un uomo e una donna che si annuncia molto poetico, in cui la figura della scrittrice e filosofa francese emerge attraverso momenti nodali della sua produzione e del suo pensiero (12 ore 22,30 Teatro San Girolamo); De revolutionibus, sulla miseria del genere umano, uno spettacolo ispirato a Il Copernico di Giacomo Leopardi diretto e interpretato da Giuseppe Carullo e Cristiana Minasi (13 ore 18,30 sala 2 Real collegio); Prego, ovvero la storia dell'incontro tra una donna e una gallina immaginato allo sfondo di una qualche guerra dei giorni nostri in cui, si sa, "una gallina serve sempre". Scritto e interpretato da Giovanna Mori è in scena il 13 ore 21 alla chiesa di San Giovanni.

Il 14, ultimo giorno di festival, saranno in scena Jacob Olesen e Amandio Pinhero con Una rumorosa solitudine liberamente tratto da Bohumil Hrabal (sala 1 Real collegio) e A ritrovar le storie, un lavoro a cura di Monica Morini, Bernardino Bonzani e Annamaria Gozzi nato da un lungo percorso di incontro e ascolto tra generazioni nei centri diurni e per costruito con un gruppo di giovani nigeriani richiedenti asilo (ore 21 chiesa di San Giovanni).

Alessandra Bernocco

 

 

Lettori nel 2016

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
Verificati > 1 milione di lettori nel corso del 2015 -------------------- Previsti > 1.200.000 lettori nel corso del 2016