Ediz. n.242 - 09.10.16

Partnership

Sostieni
Oltrecultura
e sarai visibile a  1 milione di  contatti !
scrivi a
commerciale


di mary
Via Oslavia , 44 - 00195 Roma
 +39 063208224
lallegrettodischi@yahoo.it


minabottesini@libero.it

+39 3392394093

 

 

 


Luigi Petrosino - Grafico e Pittore

 

Bottega Federiciana delle Arti

 

 

Dove saremo

Area Riservata

Stratford-upon-Avon incontra Napoli: “Neapolitan Shakespeare” di Gianni Lamagna alla Feltrinelli Stampa E-mail
Oltrecultura: Eventi Prosa © - Oltrecultura: Eventi Prosa
Scritto da Mariagrazia Liccardo   
Martedì 13 Ottobre 2015 21:43

Da oltre quattro secoli il mondo intero ama e declama i sonetti di William Shakespeare: il musicista e compositore Gianni Lamagna, voce della Nuova Compagnia di Canto Popolare, affronta un progetto ambizioso e profondo, musicando e traducendo in lingua napoletana diciassette tra i più importanti sonetti del Bardo.
La vita, il trascorrere delle stagioni, la giovinezza e i rapporti umani ma soprattutto l'amore - nelle sue manifestazioni più complesse e preziose - sono al centro dei sonetti selezionati e tradotti da Lamagna. L'artista presenterà il suo "Neapolitan Shakespeare" mercoledì 14 ottobre 2015 negli spazi del mediastore 'La Feltrinelli' in Piazza dei Martiri a Napoli, affiancato dal giornalista Carmine Aymone.
Le elaborazioni proposte del musicista napoletano illuminano la produzione shakespeariana facendone emergere un'energia nuova. Pubblicato e prodotto da 'Di Musica In Musica', associazione fondata dallo stesso Lamagna nel 1996 per diffondere il patrimonio culturale e musicale napoletano e per scoprire nuovi talenti tra i giovani dei progetti speciali per il recupero nelle aree del disagio minorile, ed 'Europhone Records', il disco si avvale della collaborazione di un manipolo di musicisti eccellenti, dal chitarrista Paolo Propoli al violinista Gianluca Falasca, sino al violoncellista Arcangelo Michele Caso, al contrabbassista Vincenzo Lamagna (figlio del musicista e cantante partenopeo) – solo per citarne alcuni – ed è impreziosito dalle firme dei musicisti Giosi Cincotti, Piera Lombardi, Nico Arcieri, Paolo Raffone e dello stesso Lamagna.
Supervisionate, per la lingua napoletana scritta, da Raffaele Bracale, le traduzioni di Lamagna si fanno arte e 'respirano' nel loro dialogo con le partiture e anche con le eleganti illustrazioni del booklet, firmate da Paolo La Motta.

Spiccano, tra le diciassette tracce del disco, gli arrangiamenti per archi del sonetto n. 17 ('o dicessette / Sonnet 17) e l'arrangiamento per pianoforte elaborato dal maestro Giosi Cincotti per il sonetto 64 ('o sissantaquatto / Sonnet 64), tra i pochissimi non firmati da Lamagna.
Due anni di intensa lavorazione per un lavoro ambizioso e rispettoso, in cui la lingua napoletana si fa ponte di dialogo tra l'Italia meridionale e l'arte del sommo poeta britannico.

L'anima di Lamagna resta fedele ai principi esplicitati nel testo del brano presentato a San Remo nel 1988 con la Nuova Compagnia di Canto Popolare: Sotto il velo del cielo. Ne sono la dimostrazione i progetti che l'artista ha realizzato dal 2003 Racconti e Musiche per i Giorni di Natale, (2006) Madri Dolorose, (2007) Concerto per un Principe chiamato Totò, (2009) di Mare e di Amori, (2010) dell'Amore e della Luna e (2015) Neapolitan Shakespeare.

Mariagrazia Liccardo

 

 

Lettori nel 2016

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
Verificati > 1 milione di lettori nel corso del 2015 -------------------- Previsti > 1.200.000 lettori nel corso del 2016