Ediz. n.242 - 09.10.16

Partnership

Sostieni
Oltrecultura
e sarai visibile a  1 milione di  contatti !
scrivi a
commerciale


di mary
Via Oslavia , 44 - 00195 Roma
 +39 063208224
lallegrettodischi@yahoo.it


minabottesini@libero.it

+39 3392394093

 

 

 


Luigi Petrosino - Grafico e Pittore

 

Bottega Federiciana delle Arti

 

 

Dove saremo

Area Riservata

ODYSSEY di Robert Wilson al Piccolo Teatro Strehler di Milano Stampa E-mail
Oltrecultura: Recensioni Prosa © - Oltrecultura: Recensioni Prosa ®
Scritto da Alessandra Bernocco   
Mercoledì 28 Ottobre 2015 01:32

Il blu Bob Wilson è diventato una categoria cromatica riconoscibile. Un blu luminoso ma proprio blu, di quei blu che si accordano bene anche col nero, che non smetteresti mai di guardare.
Comincia con una feritoia verticale di questo colore Odyssey, una coproduzione datata 2012 del Piccolo Teatro di Milano e Teatro Nazionale di Grecia che il Piccolo sta riproponendo al Teatro Strehler fino a domenica 31 ottobre2015.
Una fessura illuminata che a poco a poco si dilata e si schiarisce, dalla quale fanno il loro ingresso i personaggi, uomini e dei dell'Olimpo capitanati da uno Zeus iracondo in abito d'oro.
E' uno spettacolo grandioso in cui il regista americano ripercorre i passaggi dell'opera omerica in modo ludico e lieve, cercando in questa cifra la risposta a una sua antica insoddisfazione. Risale a una versione dell'Odissea vista da ragazzo, per la prima volta in Grecia, che gli parve "interminabile, pesantissima, seriosa" e lo indusse a domandarsi se davvero 'deve essere proprio così'.
No, Odyssey è l'epica allegra e antinaturalistica delle vicende di Ulisse, raccontata in circa tre ore di immagini visionarie che si succedono senza interruzione e prendono vita l'una dall'altra come per partenogenesi, in un costante modificarsi e fluidificarsi della scena.
Luci, colori, proiezioni sullo schermo-fondale performano lo spazio abitato dagli attori, generando figure che ricreano e inventano proporzioni e consistenze.
I personaggi appaiono minuscoli o giganteschi, marmorei come statue o evanescenti e fluttuanti, risucchiati da spirali di luce.
Il rosso dell'ade che è anche sangue e violenza, e ancora il blu che vira in indaco o in bianco ghiaccio, il giallo come l'occhio del ciclope, i colori costruiscono un'atmosfera fiabesca che stempera la tragedia e la rende giocosa, anche naif.
Così le forme che trascolorano e mutano come la grande mano che scende dall'alto e che diventa una zampa vorace che agguanta un piccolo uomo. O Scilla e Cariddi, due scogli o due mostri dai profili cattivi, neri, che si guardano in faccia separati dal blu.
E le maschere animalesche indossate dagli attori, preziose e bellissime, che informano di sé il corpo intero e ne plasmano i gesti; o il movimento del mare alluso con il barcollare dei marinai sulla nave.
Scorrono i personaggi e le avventure di Odisseo attraverso i ciclopi, la statuaria Calipso, Penelope vestita di blu che si rivolge ad Atena, Telemaco, Euridice, la maga Circe su una specie di piedistallo come una statuina su una torta nuziale, accanto a una tavola imbandita.

Lo spettacolo fluisce attraverso ventiquattro scene che corrispondono ai libri dell'Odissea , più un prologo e un epilogo, secondo la riscrittura di Simone Armitage e la drammaturgia di Wolfgang Wiens, ed è recitato in greco moderno con sottotitoli, che in verità abbiamo ben poco seguito, paghi un lavoro d'insieme che si nutre di ben altro che di contenuti peraltro conosciuti.
Quel che cattura e sorprende di questa Odyssey è la straordinaria potenza eidetica, che ti lascia dentro immagini oniriche, nitide e persistenti.
E la partitura sonora di Thodoris Ekonomou composta appositamente ed eseguita dal vivo, della quale è parte importante la musicalità delle voci, il rumore del mare, i grugniti, i ronzii, i voli di uccelli.
Progetto, regia, scene e luci: Robert Wilson; musica: Theodoris Ekonomou; testo: Simon Armitage da Omero; drammaturgia: Wolfgang Wiens; costumi: Yashi Tabassomi.


Alessandra Bernocco

 

Lettori nel 2016

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
Verificati > 1 milione di lettori nel corso del 2015 -------------------- Previsti > 1.200.000 lettori nel corso del 2016