Ediz. n.242 - 09.10.16

Partnership

Sostieni
Oltrecultura
e sarai visibile a  1 milione di  contatti !
scrivi a
commerciale


di mary
Via Oslavia , 44 - 00195 Roma
 +39 063208224
lallegrettodischi@yahoo.it


minabottesini@libero.it

+39 3392394093

 

 

 


Luigi Petrosino - Grafico e Pittore

 

Bottega Federiciana delle Arti

 

 

Dove saremo

Area Riservata

Peppe Servillo e I solisti dei Berliner Philharmoniker Stampa E-mail
Oltrecultura: Recensioni Musica © - Cameristica ®
Scritto da Alessandra Bernocco   
Giovedì 28 Gennaio 2016 21:00

  

Bella sfida far vivere le avventure di monsieur Jourdain tutto da solo, ma Peppe Servillo ce l'ha fatta da par suo. Anche se in verità proprio solo non era, perché ad accompagnarlo c'erano i Solisti dei Berliner Philharmoniker, insomma non proprio una cosina da nulla.
Lui in abito nero e camicia bianca, microfono e leggio, loro agli archi (due violini, una viola, un violoncello e un contrabbasso), e ai fiati (flauto, clarinetto, corno e fagotto).
Sede, l'Aula magna della Sapienza di Roma, dove il concerto- spettacolo, martedì 26 gennaio, è stato presentato in prima assoluta nella programmazione dello IUC (Istituzione Universitaria dei Concerti) per la rassegna Sapienza in Musica.

In scena, dopo la prima parte divisa in Divertimento in re maggiore per archi K 136 di Mozart, e Till Eulenspiegel Einmal Anders di Richard Strauss, ancora Strauss per un dialogo musica-voce, anzi voci, perché Servillo dà vita non solo al protagonista ma ai principali personaggi de Il borghese gentiluomo, la comèdie-ballet di Moliere con musiche di Jean-Baptiste Lully, poi ripensata da Hugo von Hofmannsthal che commissionò le musiche a Richard Strauss.
E sulle musiche di Strauss è nata la coreografia di George Balanchine con Rudolf Nureyev come primo protagonista e la commedia di Peter Ustinov che è una riduzione di quella di Molière modulata sulle proprie corde.
Servillo ne ha fatto una partitura per attore solo, divertendosi a rendere la ridicola storia di questo piccolo e tenero millantatore, aspirante parvenu, e le pittoresche figure di cui si circonda, chiamandole in causa in terza persona o dando voce anche a loro, virgolettando qua e là, cambiando toni, timbri e colori.
Dal maestro di danza al caposarto al professore di latino che lo istruisce sulle differenze tra prosa e poesia (“Ho parlato in prosa per cinquant'anni senza saperlo”), fino al servo astuto che tesse le fila come commedia comanda.
Uno spettacolo che premia la formula musica-voce che ha replicato il precedente successo de Histoire du Soldat di Stravinskij, portato in scena per la stessa rassegna tre anni fa. 

Alessandra Bernocco

 

Lettori nel 2016

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
Verificati > 1 milione di lettori nel corso del 2015 -------------------- Previsti > 1.200.000 lettori nel corso del 2016