Ediz. n.242 - 09.10.16

Partnership

Sostieni
Oltrecultura
e sarai visibile a  1 milione di  contatti !
scrivi a
commerciale


di mary
Via Oslavia , 44 - 00195 Roma
 +39 063208224
lallegrettodischi@yahoo.it


minabottesini@libero.it

+39 3392394093

 

 

 


Luigi Petrosino - Grafico e Pittore

 

Bottega Federiciana delle Arti

 

 

Dove saremo

Area Riservata

San Pietro a Majella ricorda Pierre Boulez con Christophe Desjardins Stampa E-mail
Oltrecultura: Eventi Musica © - Cameristica ®
Scritto da Emma Amarilli Ascoli   
Mercoledì 23 Novembre 2016 20:55

Da tempo ormai il Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli è diventato non solo un centro di alto livello didattico, ma ha anche di produzione concertistica. Il Conservatorio offre infatti numerosi eventi, in collaborazione con illustre istituzioni quali il Museo Nazionale di Capodimonte, al pari una vera e propria stagione concertistica.
L'iniziativa riveste un ruolo anche didattico poiché a fianco dei maestri si esibiscono gli studenti del Conservatorio sia in qualità di orchestrali che di solisti.
Ma sul palco della Sala Scarlatti il 25 novembre 2016 si esibirà un ospite d'eccellenza il violista Christophe Desjardins docente alla Hochshule di Detmold e al CNSM di Lyon.
Il concerto sarà dedicato a Pierre Boulez, direttore d'orchestra scomparso all'inizio dell'anno, e si svolgerà in seguito alla Masterclass rivolta agli studenti del Conservatorio e non solo.
Il progetto è stato realizzato in collaborazione con l'Institut Français di Napoli e "La Francia in scena 2016".
La masterclass si svolgerà giovedì 24 novembre dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00 mentre l'atteso concerto, che vedrà protagonista Christophe Desjardins, si terrà il giorno seguente, venerdì 25 novembre, alle ore 18.00, nella Sala Scarlatti del San Pietro a Majella.
Il concerto prevede brani per viola solista ed elettronica, tra cui Messagesquisse di Boulez nella versione per viola, dedicata a Desjardins. Inoltre si ascolterà la monumentale Partita I di Philippe Manoury per viola elettronica in tempo reale che, al vertice della creazione usa tutta la gamma di possibilità si trasformazione del suono e d'interazione con il computer sviluppate all' IRCAM di Parigi, creato nel 1969 da Boulez stesso.
Pierre Boulez (1924-2016) è stato un direttore d'orchestra e un compositore; apprese e approfondì la tecnica dodecafonica sotto la guida di René Leibowitz e giunse a scrivere musica atonale secondo lo stile seriale post-weberniano. Subito Boulez divenne una guida nell'ambiente artistico del dopoguerra, indirizzato verso una maggiore astrazione e sperimentazione. Legato alla cosiddetta Scuola di Darmstadt che era impegnata nella creazione di un nuovo linguaggio che fosse il rimedio ai fervori nazionalistici del tempo: internazionale, cosmopolita, che non potesse essere strumentalizzato a fini propagandistici come il regime nazista aveva fatto, per esempio, con la musica di Beethoven.

Boulez era anche in contatto con molti giovani compositori, che si sarebbero imposti nel panorama artistico, come John Cage.
Come direttore d'orchestra egli si prodigò per far conoscere alcuni degli autori più significativi del Novecento, da Debussy a Mahler da Schönberg a Stravinskij da Bartòk a Webern da Varèse a Zappa. Dal 1971 al 1977 fu direttore artistico della New York Philarmonic Orchestra e dal 1971 al 1975 direttore principale della BBC Symphony Orchestra.

Nel 1979 vince il Premio Ernst von Siemens, dirige la ripresa nel Thétre de l'Opéra di Parigi di Lulu di Alban Berg con Teresa Stratas e la prima esecuzione assoluta nella Sociéteé Nationale de Musique di Parigi di "...agm..." di Harrison Birtwistle.
Nel 2012 vince il Leone d'oro alla carriera per il settore Musica della Biennale di Venezia e dirige un concerto al Festival di Lucerna ed uno nella Salle Pleyel di Parigi; nel 1976 fonda, in collaborazione con Michel Guy, l'Ensemble Intercontemporain (EIC) è un'orchestra da camera specializzata nella musica contemporanea che ha visto la collaborazione ventennale di Christophe Desjardins.
Christophe Desjardins è impegnato con pari passione nella composizione e nella dissusione del repertorio del suo strumento presso il grande pubblico.
Ha eseguito da solista lavori di Berio, Boulez, Nunes, Manoury, Pesson, Stroppa, Harvey, Boesmans, Jarrel, Levinas, Sebastiani, Markéas, Rihm e molti altri e si esibisce con orchestre come il Concertgebouw di Amsterdam, l'Orchestra della Fondazione Toscanini, l'Orchestra Nazionale di Lyon, l'Orchestra Filarmonica di Radio –France, gli NRD, WRD eSWR Sinfonie Orchestern, l'Orchiestra Sinfonico Portoghese e molti altri ensemble. Lavora inoltre con parecchi gruppi vocali, con i quali suona da solista: Helsinki Chamber Choir, LEs Cris de Paris, l'Ensemble Solistes XXI, il Coro Britten. Prima viola solista al Théatre de la Monnaie di Bruxelles, ed in seguito dell'Ensemble Intercontemporain.

La discografia riflette la singolarità del suo percorso: i dischi registrati e concepiti per il Label Aeon hanno ricevuto i premi più prestigiosi: Voix d'alto, dedicato a Berio e a Feldman, è stato insignito di un 'Diapason d'Or', 4 F di 'Télérama', il premio 'Choc del Mondo della Musica', il 'Gran Premio del Disco' dell'Accademia Charles Cros. La sua monografia Emmanuel Nunes e il doppio CDAlto/Multiples sono stati unanimemente apprezzati dalla critica.
Nel 2007 ha creato la monumentale Partita I di Philippe Manoury, per viola ed elettronica in tempo reale, che utilizza la tecnica della captazione del gesto, aprendo una nuova era nello sviluppo delle musiche miste. L'opera è stata oggetto di grandi tournée internazionali e la sua registrazione per il label Kairos ha ricevuto il 'Diapason d'Or'.
In collaborazione col compositore Gianvincenzo Cresta ha pubblicato due CD che interrogano la relazione con le musiche barocche e quelle de Rinascimento: Amore Contraffatto e Alle Guerre d'Amore. Inoltre si contano circa una trentina di incisioni pubblicate con l'Ensemble Intercontemporain.
Suona una viola di Francesco Goffriller, costruita a Venezia verso il 1730.

Emma Amarilli Ascoli

 

Lettori nel 2016

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
Verificati > 1 milione di lettori nel corso del 2015 -------------------- Previsti > 1.200.000 lettori nel corso del 2016