Ediz. n.242 - 09.10.16

Partnership

Sostieni
Oltrecultura
e sarai visibile a  1 milione di  contatti !
scrivi a
commerciale


di mary
Via Oslavia , 44 - 00195 Roma
 +39 063208224
lallegrettodischi@yahoo.it


minabottesini@libero.it

+39 3392394093

 

 

 


Luigi Petrosino - Grafico e Pittore

 

Bottega Federiciana delle Arti

 

 

Dove saremo

Area Riservata

Ricordando Aldo Ciccolini: emozione, commozione e le note di Yves Henry Stampa E-mail
Oltrecultura: Recensioni Musica © - Cameristica ®
Scritto da Emma Amarilli Ascoli   
Domenica 05 Febbraio 2017 23:58

La didattica non è tutto, Elsa Evangelista, direttore del Conservatorio di Musica San Pietro 'a Majella di Napoli, lo sa bene e da anni affianca alle lezioni frontali produzioni artistiche degli allievi e collaborazioni con solisti di fama internazionale.
Tra le ultime iniziative, promosse dal direttore, vi è quella di invitare solisti e docenti dei più importanti istituti europei per tenere masterclass rivolte anche a studenti esterni, a conclusione delle quali i docenti si esibiscono in concerti gratuiti ed aperti al pubblico.
Queste lodevoli iniziative fanno di San Pietro a Majella un polo artistico e culturale di rilievo; la Sala Scarlatti sempre affollata di pubblico testimonia del seguito e dell'apprezzamento degli eventi.
Il Conservatorio conserva la sacralità di un Tempio, ma si apre al pubblico e il concerto memorial per Aldo Ciccolimi, Maestro immenso per arte e per qualità umane ha voluto anche mettere in evidenza aspetti di “servizio” quasi di “sacerdozio”, cui sono chiamati i musicisti ponendosi al servizio della Musica.
Al suo celebre allievo, a due anni dalla sua scomparsa, il Conservatorio ha dedicato il concerto del 4 febbraio 2017, tenuto nella Sala Scarlatti da Yves Henry, a conclusione della sua masterclass per pianoforte.
A rendere ancora più emozionante questo concerto-evento, la notizia del recente acquisto, da parte del Conservatorio, del Pianoforte Gran Coda Shigeru Kawai che il maestro Ciccolini amava suonare nei suoi concerti e che nel 2007, proprio nella Sala Scarlatti, aveva firmato e dedicato a Francesco Cilea il quale, in qualità di direttore del Conservatorio, gli donò una dispensa speciale per essere ammesso nell'istituto alla giovanissima età di nove anni.
Il Pianoforte, inaugurato proprio il 4 febbraio da Yves Henry, era già stato suonato nella Sala Scarlatti da Aldo Ciccolini il 20 dicembre 2012 quando Elsa Evangelista gli consegnò il Premio “San Pietro a Majella” allora da poco istituito.

Yves Henry , pianista e compositore, si è formato presso il Conservatorio Nazionale di Musica di Parigi, presso il quale ora è docente. Ha studiato con Pierre Sancan e con Aldo Ciccolini. Vincitore di numerosi premi è riconosciuto come uno degli specialisti dell'interpretazione di Schumann, Chopin e Liszt. Nel gennaio 2010 è stato insignito dell'onorificenza di Officier des Arts et des Lettres da Frédéric Mitterrand, ministro della Cultura, ed ha ricevuto il Gloria Artis in Polonia per il suo contributo alle celebrazioni di Chopin in Francia. Dal 2011 è presidente del Nohant Festival Chopin.
Per il suo concerto a San Pietro a Majella, Yves Henry ha scelto un programma che ha abbracciato vari autori del 1800, secolo d'oro per il pianoforte, per mostrare, come egli stesso ha dichiarato, l'evoluzione della scrittura dedicata a questo strumento.
Da Schubert (Impromptu in sol bemolle maggiore) e Chopin (Grande Valse brillante in mi bemolle maggiore) fino a Ravel (Pavane pour une infante défunte) e Rachmaninov (preludi op. 32 n° 5 e op. 23 n° 2) passando per le trascrizioni orchestrali di Liszt (Parafrasi sul Rigoletto), Debussy (Prélude à l'après midi d'un faune), Borodine ( Danse Polovesiane) e Dukas (L'Apprenti Sorcier), queste ultime due nella versione da concerto scritta dallo stesso Yves Henry.
Yves Henry ha dato prova di grande virtuosismo mai fine a se stesso ma sempre finalizzato al bello musicale e, seppur con un avvio troppo rispettoso della dicotomia mano destra mano sinistra, ha dato rilievo a tutte le voci anche nei più complessi passaggi in stile orchestrale.

Emma Amarilli Ascoli

Foto di Emanuele Ferrigno

 

Lettori nel 2016

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
Verificati > 1 milione di lettori nel corso del 2015 -------------------- Previsti > 1.200.000 lettori nel corso del 2016